Cosa si intende per "spesa commerciale" nell'impresa di beni di consumo?

Answers

08/04/2020
Rois

Tradespend è l'importo che un produttore / venditore spende per promuovere un prodotto in negozio. I tipici veicoli promozionali in negozio includono sconti / coupon e pubblicità di supporto nella circolare di un rivenditore.

Tuttavia, nel settore, tradespend è il termine utilizzato per descrivere tutti i costi associati alla vendita a un rivenditore. Ecco un elenco generale di tali costi, ma potrebbero esserci altri bucket non identificati qui:

  • Termini di pagamento
  • Tariffe annuali
  • Commissioni di scanalatura
  • Articoli gratuiti al lancio
  • Commissioni di ritorno
  • Commissioni di logistica inversa
  • Commissione per nuovi negozi
  • Indennità introduttive
  • Prezzi a volume
  • Costi di transazione
  • Promozioni per i consumatori finali (BOGO / TPR)
  • Etichettatura del rivenditore nel marketing esterno (TV, annunci radio stampati)
  • Annunci nelle circolari del rivenditore
  • Campionamento

In media, il tradeespend ammonta al 13.5% delle entrate di un fornitore. Alcuni canali di vendita al dettaglio hanno medie commerciali molto più elevate, come la droga, che in genere è del 20% + nel primo anno. Alcuni canali, come i club, hanno i requisiti di tradeespend più bassi, in genere inferiori al 5%.

Sulla base di queste medie, la tradespend non è una spesa banale e i fornitori devono tener conto delle loro proiezioni.

In genere, non c'è molto che un nuovo venditore possa fare per ridurre la tradespence nel primo anno. Vi è una richiesta significativa di essere messi a scaffale, quindi i venditori di solito devono accettare i termini offerti dai rivenditori. I venditori possono ridurre il tradeespend nel tempo, ma non di molto.

Di solito, il più grande secchio in commercio è promozioni per i consumatori finali. E questo ha senso perché i rivenditori vogliono assicurarsi che i prodotti del venditore vendano, quindi offrire promozioni ha un senso. Se un fornitore sta già spendendo per il marketing di un negozio esterno e quel marketing sta guidando vendite significative in negozio, allora il rivenditore potrebbe essere aperto a ridurre i requisiti di tradeespend. Il marketing dei negozi esterni è generalmente definito come marketing digitale e / o marketing analogico (TV, radio, stampa).

Gabbert Omprakash
Il costo opportunità è la differenza di costo tra lo status quo e l'assunzione di una nuova posizione. Inoltre, i benefici devono generalmente superare lo status quo per la decisione di assumere la nuova posizione.Il compromesso è costituito dalle differenze tra due o più opzioni presentate, una che può essere lo status quo o due o più alternative allo status quo. E la considerazione dei compr...

Lascia la tua risposta