I musulmani / arabi erano i più grandi commercianti di schiavi di tutta la storia?

Answers

12/06/2021
Dalury

. Il trattamento degli arabi nei confronti degli africani neri può essere giustamente definito un olocausto africano. Gli arabi uccisero più africani in transito, soprattutto quando attraversarono il deserto del Sahara, di europei e americani, e per più secoli, sia prima che dopo gli anni della tratta degli schiavi nell'Atlantico. I musulmani arabi hanno iniziato a estrarre milioni di schiavi dell'Africa nera secoli prima delle nazioni cristiane. I commercianti di schiavi arabi hanno rimosso gli schiavi dall'Africa per circa 13 secoli, rispetto ai tre secoli della tratta degli schiavi nell'Atlantico. Gli schiavi africani trasportati dagli arabi attraverso il deserto del Sahara morivano più spesso degli schiavi che effettuavano il passaggio medio verso il Nuovo Mondo via nave. Gli schiavi morivano invariabilmente entro cinque anni se lavoravano nelle miniere di sale del Sahara dell'Impero ottomano. Gli africani neri non hanno goduto dell'immunità a molte delle malattie trovate nel mondo arabo, il che ha comportato anche alti tassi di mortalità.

Gli schiavi nel mondo musulmano spesso castravano uomini schiavi dell'Africa nera per servire come guardie dell'harem. Questo è il motivo principale per cui non ci sono molte comunità di neri che vivono nel mondo musulmano non africano oggi, nonostante i milioni di schiavi neri africani venduti nel mondo musulmano. Molti ragazzi africani non sono sopravvissuti al loro intervento di castrazione. Nel 1903 c'erano ancora 194 eunuchi africani in servizio alla famiglia al potere ottomana.

Le donne africane furono schiavizzate dagli arabi più degli uomini africani. Pochi bambini schiavi neri sono sopravvissuti nel mondo musulmano. Nel 1860, quando 3,000 schiave nere furono liberate a Zanzibar, solo il 5% di loro aveva figli. Poiché in base alla legge islamica una concubina che porta il figlio del padrone potrebbe diventare una moglie e i suoi figli avrebbero poi condiviso l'eredità, le mogli mediorientali e i figli dei padroni avevano un forte incentivo a interferire con la vita sessuale delle schiave e causare aborti brutali . La giurisprudenza islamica ha storicamente permesso l'aborto nei primi quattro mesi di gravidanza, molto prima che l'Occidente lo consentisse. La tradizione islamica sostiene l'idea che l'anima entri nel feto a 120 giorni. Se una concubina aveva l'unico figlio, la minaccia per la moglie era ancora maggiore. Il Corano permise agli uomini musulmani di avere tutte le concubine che potevano permettersi, oltre a quattro mogli.

La storia araba del razzismo anti-nero precede il razzismo anti-nero europeo di diversi secoli. Il primo impero islamico mostrava tutte le caratteristiche del razzismo anti-nero e i neri subivano la più bassa forma di schiavitù. Nell'869 d.C., gli schiavi dell'Africa nera nel sud dell'Iraq, il disprezzato Zanj, lanciarono una rivolta degli schiavi estesa che minacciò Baghdad fino all'883 d.C. I motivi principali per cui non abbiamo sentito di più sugli orrori della schiavitù nel mondo musulmano sono che i musulmani non hanno espresso morale oltraggio alla schiavitù e non ha scritto letteratura abolizionista contro l'istituzione della schiavitù. Il Dr. Thomas Sowell definisce l'indignazione morale contro la schiavitù del Nuovo Mondo e la mancanza di tale indignazione contro il mondo musulmano o non occidentale, come "indignazione morale selettiva". L'indignazione morale contro la schiavitù fu ed è, nel grande contesto storico, una causa di ispirazione europea che ottenne una significativa trazione solo negli anni 1760. Gli europei hanno fotografato schiavi dell'Africa nera incatenati in navi arabe mercantili sulla costa orientale dell'Africa negli anni ottanta del XIX secolo. La schiavitù persisteva apertamente in Arabia Saudita e in altri paesi musulmani nella seconda metà del ventesimo secolo, 1880 anni dopo l'abolizione della schiavitù negli Stati Uniti. Già nel 100, i musulmani africani vendevano ancora schiavi quando arrivavano in pellegrinaggio, come modo per finanziare i loro pellegrinaggi. Le nazioni arabe sono rimaste molto indietro rispetto al resto del mondo nell'abolizione della schiavitù: Arabia Saudita e Yemen nel 1960, Emirati Arabi Uniti nel 1962, Oman nel 1963 e Mauritania ufficialmente nel 1970. Oggi, secondo i dati del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, le nazioni musulmane perdonano gli umani internazionali tratta più dei paesi occidentali.

David Livingstone osservò in Africa le orribili pratiche di commercio di schiavi dei mercanti di schiavi arabi e pagani, decenni dopo che la Gran Bretagna aveva iniziato a reprimere il commercio internazionale di schiavi, e quasi un secolo dopo Lord Mansfield, con il colpo di una penna, liberò gli schiavi in ​​Inghilterra. L'Impero ottomano resistette agli sforzi britannici per reprimere la schiavitù e la tratta degli schiavi. Nel corso di 70 anni, 2,000 marinai britannici morirono per liberare 160,000 schiavi. Mentre l'Islam ha sollecitato in qualche modo un migliore trattamento degli schiavi, la rapida espansione dell'impero musulmano ha aumentato rapidamente il numero di schiavi, portando a un trattamento più crudele. L'Africa e il Medio Oriente non hanno mai sviluppato il fervore dell'abolizionista morale visto nelle nazioni occidentali. La schiavitù è ora più importante in Africa.

Dal tempo delle crociate fino agli inizi del 1800, i pirati barbareschi o i corsari del Nordafrica musulmano hanno fatto irruzione nelle coste e nelle acque europee, vendendo europei prigionieri come schiavi nei porti nordafricani e Istanbul. I corsari di Barbary attaccarono la navigazione nel Mar Mediterraneo e nell'Oceano Atlantico, facendo irruzione nelle coste di Italia, Francia, Spagna, Portogallo, Grecia, Gran Bretagna, Irlanda e Africa per schiavi. Alcune isole e coste del Mediterraneo in Spagna e in Italia furono abbandonate a causa della minaccia del raid degli schiavi di Barbary. Inizialmente gli Stati Uniti hanno reso omaggio ai pirati di Barbary per ottenere il ritorno dei prigionieri americani. Dopo aver costruito navi, gli Stati Uniti hanno combattuto la prima e la seconda guerra di Barbary per fermare questa tratta di schiavi e la pirateria. In effetti, il desiderio di difendere la navigazione americana e i marinai dalla pirateria di Barbary ha dato alla luce la rinascita della Marina degli Stati Uniti. Inno marino si riferisce alla battaglia di Derne sulle "rive di Tripoli". La tradizionale spada Mameluke indossata oggi dagli ufficiali della Marina è basata su quella data dal Primo Tenente Marino Presley O'Bannon del Principe Hamet di Tripoli.

I giovani fotografati sopra erano probabilmente destinati a diventare eunuchi castrati negli harem dell'Impero ottomano. Questa fotografia è stata scattata diversi decenni dopo che gli Stati Uniti hanno liberato tutti i suoi schiavi attraverso il 13 ° emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti.

HMS Daphne salvato gli schiavi nella foto sopra.

La foto sopra mostra un mercante di schiavi arabo preso in custodia dalla Royal Navy.

La foto sopra mostra gli schiavi salvati da una nave a vela araba, un dhow.

Gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno abolito la tratta degli schiavi allo stesso tempo nella storia. La Royal Navy stabilì lo squadrone dell'Africa occidentale (o Squadrone preventivo) a spese sostanziali nel 1808 dopo che il Parlamento approvò lo Slave Trade Act del 1807. Il Congresso degli Stati Uniti dichiarò illegale l'importazione di schiavi il 1 ° gennaio 1808. Il compito dello squadrone della Royal Navy era di reprimere la tratta degli schiavi nell'Atlantico pattugliando le coste dell'Africa occidentale. Con una base di partenza a Portsmouth, iniziò con due piccole navi, la fregata di quinta velocità da 32 cannoni HMS Solebay e il brig-sloop di classe Cruiser HMS Derwent. Al culmine delle sue operazioni, lo squadrone impiegò un sesto della flotta della Royal Navy e dei marine. Tra il 1808 e il 1860 lo squadrone dell'Africa occidentale catturò 1,600 navi schiave e liberò 150,000 africani.

La Royal Navy pattugliava le coste dell'Africa orientale e in particolare il commercio di schiavi fuori da Zanzibar. Circa 50,000 schiavi passavano attraverso i mercati degli schiavi di Zanzibar ogni anno. David Livingstone stima che 80,000 africani muoiano ogni anno prima di raggiungere Zanzibar.

Alcune selezioni da: Prison & Slavery: un eBook di confronto sorprendente (note a piè di pagina omesse quora; contiene proposte per ridurre l'incarcerazione di massa).

Everson Hongeva
Il marchio è il nome con cui è noto il tuo prodotto (o servizio).Un DBA (più formalmente un nome commerciale fittizio, un nome assunto, ecc., A seconda della terminologia utilizzata nel tuo stato) sarebbe richiesto solo se il nome legale della tua entità aziendale è non lo stesso del marchio, ma vuoi che la tua attività operi con un nome che is lo stesso del marchio....

Lascia la tua risposta