Come vendere un marchio

Answers

06/27/2022
Puritan
In parte non sono d'accordo con entrambe le risposte, ma concordo anche con Dan sul fatto che uno scambio non è un modo corretto. Per prima cosa, le ripetizioni e le garanzie che fai riguardo al tuo marchio, inclusa la proprietà, così come la concessione di diritti (ed è una vendita o una licenza?) Non sono idealmente gestite da un contratto di scambio a misura unica . Sembra una ricetta per il disastro.

Non sono d'accordo con Dan nel raccomandare un broker commerciale. I broker aziendali generalmente sanno molto poco della legge sulla proprietà intellettuale. Di solito non hanno esperienza nei dettagli delle licenze, né sono esperti di branding. Quindi sarà molto difficile per loro massimizzare il valore, per loro conoscere gli obiettivi ottimali (oltre ad un approccio "fucile da caccia"), per loro sapere come impacchettare in modo ottimale combinazioni di marchi in base alle caratteristiche del marchio, ecc.

Le migliori scelte qui rientrano in due categorie:
  1. Broker di nomi di dominio con esperienza (perché sono spesso legati a marchi - di nuovo non intendo gli scambi - intendo broker specializzati in nomi di dominio con marchio)
  2. Intermediari generali della proprietà intellettuale, poiché trattano in modo specifico di queste questioni in ogni momento. Tratteranno in una combinazione di (o tutti) brevetti, marchi e nomi di dominio. Spesso i nomi di dominio sono associati ai marchi per ovvi motivi. Un nome di dominio senza un marchio sottostante può essere estremamente problematico.
L'ultima cosa da considerare è l'efficacia e il valore delle licenze. Alcuni marchi sono meglio concessi in licenza, non venduti. Consenti agli altri di assumersi i rischi, assicurati che non danneggino il tuo marchio e incassi una royalty su tutto. Quindi dovresti sempre considerare il trade-off tra vendita e licenza.

Nota: non sono un avvocato e questo non è un consiglio legale o deve essere interpretato come tale.
Cherilyn Stoneman
Sto commerciando seriamente su Robinhood da febbraio, e che avventura è stata. I broker di sconto, resi popolari dalla metà alla fine degli anni '90, hanno fatto un salto nel 2014 con l'introduzione di Robinhood. Se è la prima volta che senti parlare dell'azienda, ti preghiamo di dedicare un minuto a Google e di scoprire cosa offrono. Questa non è la prima volta che il trading senza co...

Lascia la tua risposta