In che modo uno straniero scambia azioni coreane?

Answers

05/19/2021
Mojgan

È altamente scoraggiato. Nel mercato azionario coreano, ci sono una miriade di leggi che danno ingiusto vantaggio agli istituti finanziari rispetto ai commercianti al dettaglio. In Corea del Sud, i commercianti al dettaglio sono chiamati colloquialmente "formiche". In primo luogo, due problemi menzionati di seguito mettono le "formiche" in uno svantaggio quasi insormontabile.

  1. I commercianti al dettaglio tassano ogni volta che vendono azioni (anche se vendi in perdita), il che rende quasi impossibile trarre profitto dal trading giornaliero. Ricevi una tassazione dello 0.3% ogni volta che vendi le tue azioni. In confronto, la maggior parte dei broker coreani applica una commissione dello 0.015%. La sola imposta è 20 volte superiore a quella delle commissioni (spread) per i singoli commercianti al dettaglio. Ciò significa che per il pareggio, il prezzo dovrà aumentare di almeno diversi livelli. Le istituzioni sono completamente esenti dall'imposta sopra menzionata e non devono neppure preoccuparsi della diffusione.
  2. Dal momento che è quasi impossibile per i commercianti al dettaglio intraprendere scambi o scalping giornalieri ad alta frequenza (salvo il massimo 0.1% degli esperti), la maggior parte deve fare affidamento su scambi oscillanti o posizionali. Ma poi anche i commercianti al dettaglio non sono autorizzati a vendere in short stock e solo le istituzioni possono farlo! (quale paese occidentale lo consente anche?) Questo da solo rende inaccessibili per i commercianti al dettaglio strategie comuni di trading come la copertura. Ciò consente inoltre alle istituzioni e ai grandi attori di manipolare liberamente il prezzo e l'indice azionario per derubare i commercianti al dettaglio. Poiché la dimensione complessiva del mercato azionario coreano è molto più piccola di quella degli Stati Uniti, è estremamente facile per le istituzioni finanziarie e i grandi investitori stranieri manipolare il prezzo a loro piacimento tramite lo shortelling.
Ileana Picha
Penso che il problema che potresti incontrare nel tentativo di proteggere questo slogan della maglietta è che lo slogan non viene realmente utilizzato come marchio. Un marchio è un simbolo, una parola o uno slogan che identifica la fonte, ovvero chi produce o vende un determinato prodotto. Il lungo slogan qui non sta identificando chi fa la maglietta; è in realtà una caratteristica artistica della...

Lascia la tua risposta