In che modo il commercio equo è negativo?

Answers

02/01/2023
Derrick Fangman

Per rispondere a questo è necessario rispondere alla domanda "Accettabile con chi?"
Il "commercio equo e solidale" si basa sul libero scambio di beni e servizi. Tuttavia, può essere molto difficile per un paese competere per determinati prodotti e servizi. Che è parte del punto di avere il libero scambio. Ogni partner commerciale fa ciò che è più efficiente nel fare e, nel complesso, i partner commerciali sono in grado di avere un totale maggiore di beni e servizi creati nell'aggregato.

Ma cosa succede veramente nel commercio?
Una o entrambe le parti proteggono determinate industrie (la Cina ha bloccato US Beef e ha minacciato di bloccare le vendite di iPhone se Trump imponesse tariffe sul dumping cinese).
Una o entrambe le parti si impegnano in pratiche commerciali predatorie per cercare di distruggere la capacità dell'altro paese di competere (la Cina ha fatto questo con acciaio e metalli delle terre rare - danneggiando significativamente l'acciaio americano e distruggendo totalmente l'estrazione di terre rare negli Stati Uniti).
Una o entrambe le parti sostengono le industrie con sussidi (l'Europa ha fatto questo con Airbus in modo che potesse competere con Boeing).

Quindi, non esiste davvero il "libero scambio". È un termine improprio generalmente usato dalla parte che ha il vantaggio nel commercio di chiamare lo status quo.

Commercio equo per chi?
Il commercio tra paesi si traduce in trasferimenti naturali di ricchezza tra il paese più ricco e il paese meno ricco. I lavori di produzione e assistenza a basso costo vengono trasferiti dal paese ricco a quello povero. La Cina ha rilevato intere industrie dalla produzione americana. L'India ha assunto decine di migliaia di posti di lavoro nel settore dei servizi (call center, elaborazione, inserimento dati, tra gli altri). È più efficiente per il paese con salari bassi svolgere il lavoro meno qualificato.

Ma a chi giova?
Nel complesso, si sta verificando una maggiore produzione. Ma a chi giova? Negli Stati Uniti, le società traggono profitto dalla loro capacità di esportare manufatti e servizi che possono essere realizzati a basso costo all'estero. Quindi, i dirigenti delle società e la proprietà ne beneficiano immensamente. In Cina, una società agraria povera di terra (letteralmente), inizia improvvisamente ad avere lavori di produzione. Quindi, a parte i succhi poveri in Cina che vengono messi nei campi di fabbrica e usati come lavoro da schiavi, i lavoratori cinesi ottengono un gran numero di nuovi posti di lavoro e vengono create attività commerciali cinesi per fabbricare prodotti da vendere negli Stati Uniti.

E non dimentichiamoci: chi si fa male?
Quando esporti lavori a bassa competenza all'estero, li distruggi qui negli Stati Uniti. Gli americani poco qualificati perdono un'importante fonte di lavoro che porta a diventare classe media. Le città interne, che un tempo erano centri di produzione e ubicazioni per le aziende che necessitavano di una forza lavoro concentrata, persero la loro fonte di reddito imponibile. Pertanto, le città interne soffrono sia le persone che la base imponibile per sostenere i servizi sociali.

Nel conteggio finale del "libero scambio":
1. I dirigenti e i proprietari di società negli Stati Uniti diventano ricchi.
2. I paesi più poveri trovano lavoro per le loro masse non qualificate.
3. I paesi più poveri ricevono un grande afflusso di investimenti che migliora le loro infrastrutture e la diversità economica.
4. E, i lavoratori negli Stati Uniti ottengono una disoccupazione di lunga durata e un declino della salute economica delle loro comunità.
5. Il divario di reddito degli Stati Uniti tra i ricchi e i poveri cresce e la classe media si riduce, causando un aumento dei disordini civili e delle disfunzioni sociali.

Quindi sì. Per gli Stati Uniti, il libero scambio senza vincoli, che non tiene conto delle esigenze delle masse, è MALE.

Georas Bushong
È fantastico! Come proprietario di una boutique da oltre 10 anni ho raccolto alcune informazioni preziose che aiuteranno la tua boutique.In primo luogo, prova a cercare online, la maggior parte dei proprietari di boutique che conosco acquista la maggior parte dei loro prodotti online.Se guardi attraverso dot org di abbigliamento all'ingrosso troverai un database degli eventi e dei produttori p...

Lascia la tua risposta